25 Regole tipografiche che tutti dovrebbero conoscere

L’arte della tipografia è la base del lavoro di ogni graphic designer e il suo corretto utilizzo può senza dubbio dare una marcia in più ai nostri progetti. Ci sono ottimi libri, scritti da autori ben più esperti del sottoscritto, che affrontano dettagliatamente l’argomento:

  • Ellen Lupton – Thinking with type (vedi su Amazon)
  • Robert Bringhurst – Elementi dello stile tipografico (vedi su Amazon)
  • e molti altri ancora…

Questa enormità di conoscenze può rappresentare un muro per i designer alle prime armi o per chi invece, munito di minore esperienza, vuole solo rendere i propri documenti più eleganti e leggibili ma sono sicuro che con questo articolo riuscirai a migliorare la qualità dei tuoi documenti.

 

Scegliere la font corretta

 

1. Non utilizzare font sfarzose o estrose

La scelta di una font non deve essere condizionata dal proprio gusto estetico ma dall’attinenza con il tema del documento. Se non si hanno le conoscenze necessarie per scegliere una font appropriata è preferibile scegliere delle soluzioni semplici ed evitare decorazioni inutili.

2. Trajan Pro non è una font sfarzosa né estrosa

trajan

Prendiamo come esempio Trajan Pro ma possiamo estendere il discorso a molte altre famiglie di caratteri. Ogni font necessita di un utilizzo corretto. Nel caso in oggetto abbiamo una font classica ed elegante ma decisamente non funzionale per testi lunghi. Perché? I caratteri incisi, di cui Trajan Pro fa parte, si rifanno ai testi greco latini tipicamente visibili su colonne e templi. Data la complessità nella lavorazione i caratteri di questa famiglia sono esclusivamente maiuscoli. Studi più recenti sulla leggibilità hanno dimostrato che un lungo testo scritto in maiuscolo non può essere letto in maniera scorrevole.

3. Eliminate Comic Sans dai vostri lavori

Sul serio. Fatelo.

4. Non utilizzare le font di default è una cavolata

times

Times (New Roman) e Helvetica sono tra le font più famose nella storia della tipografia. La bellezza di un carattere tipografico non dipende dal carattere in se ma da come lo si utilizza. Meglio sembrare banali o scontati che impaginare un testo illeggibile o con un cattivo aspetto.

 

Mischiare le font

 

5. Non usare più di 2 font diverse

mix-fonts

È una regola generale di quasi tutti i graphic designer (me compreso). Bisogna sempre cercare di limitarsi a 2 famiglie di font. Generalmente all’interno delle famiglie di caratteri ci sono abbastanza varianti di peso e/o stile da poter soddisfare qualsiasi tipo di variazione. E poi, i patchwork non piacciono a nessuno, vero?

6. Crea del contrasto tra le due font che hai scelto

contrast-fonts

Normalmente si tende a scegliere un carattere graziato e un carattere lineare per la composizione di documenti. Questo comportamento serve a mantenere un certo contrasto tra i caratteri, inoltre utilizzare due caratteri simili dà alla composizione un look piuttosto sciatto

7. Ma controlla che l’altezza della x sia la stessa

L’altezza della x è l’altezza delle lettere minuscole misurata dalla loro linea di base. Bisogna scegliere font con una altezza della x simile. Questo tipo di accorgimento serve a mantenere costante il livello di grigio di un paragrafo rendendo la lettura più fluida.

 

Impostare il testo

 

8. Corpo carattere

I paragrafi di testo utilizzati sul web dovrebbero essere di almeno 13px per agevolare la lettura mentre su carta stampata non andare al di sotto degli 11pt (se non stai creando dei biglietti da visita).

9. Scegli con cura la lunghezza delle righe

Cerca di mantenere la lunghezza delle righe tra le 45 e le 75 battute. 66 è reputata come la cifra ideale. In generale, per aiutare la lettura, non creare righe di testo troppo lunghe (o troppo corte).

10. Scegli l’interlinea basandoti sulla grandezza del tuo testo

lead

Per avere un testo bilanciato, gli spazi vuoti tra le righe dovrebbero essere circa il 150% dell’altezza della x. Per semplificarci la vita, utilizza un’interlinea che sia almeno il 125% del corpo carattere.

 

I paragrafi

 

11. Bandiera con allineamento sinistro

flush-left

Se non ti senti a tuo agio nella spaziatura delle parole — non giustificare i testi. Allineali a sinistra. Questa impostazione è abbastanza buona per la lettura perché tende a guidare l’occhio verso le righe successive. Puoi provare a giustificare il testo se hai più di 60 caratteri per riga, ma ricorda di attivare la sillabazione. Cerca inoltre di evitare che ci siano più di 3 righe tronche di seguito.

12. Evitare la sillabazione

La sillabazione dovrebbe essere utilizzata solo per i testi giustificati. Prova ad utilizzare un punto di sospensione o riduci leggermente la spaziatura tra le lettere. Se il testo presenta troppe righe tronche riconsidera il corpo carattere o la misura delle linee di testo. Disattiva la sillabazione per i testi a bandiera con allineamento a sinistra.

13. Quando non indentare i testi

Non indentare il testo se la riga che lo precede è un titolo, un sottotitolo o utilizzi una linea vuota tra i paragrafi. La misura ideale per l’indentazione è pari all’interlinea.

14. Punteggiatura sospesa

Se utilizzi la punteggiatura sospesa all’inizio di una riga ( ” ” ), posizionala all’esterno della colonna di testo. Si tratta di una scelta più elegante e gradevole alla vista.

15. Vedove e orfani

widows

Una vedova è una singola parola o una linea di testo molto breve al termine di una paragrafo. Un orfano è una vedova che appare sulla cima di una nuova colonna o di una pagina. Evitale il più possibile. Riduci la spaziatura tra le parole o riconsidera il corpo carattere. Questo tipo di errore tipografico è immediatamente visibile e molto sgradevole.

16. Non abusare della spaziatura tra le parole

Premere invio è sufficiente ad iniziare una nuova linea di testo. Non è difficile.

 

Parole

 

17. Kerning o Crenatura

Se non sei un designer esperto è meglio non giocare con il fuoco. In sostanza il kerning è la riduzione della distanza tra i singoli caratteri. Si tratta di un’impostazione piuttosto delicata in quanto un kerning errato può variare la lettura delle parole in modo considerevole quindi lascia che ci pensi il software.

18. Tracking

Il tracking è l’aumento della distanza tra i caratteri. Per i titoli è buona norma aumentarlo proporzionalmente.

19. Enfatizzare le parole

emphasis

Riguardo a questo argomento, non usare mai il maiuscolo per enfatizzare le parole. Utilizza il grassetto (bold) della font che stai usando.

20. Non aumentare il tracking dei testi minuscoli

space-lowercase

Questa è una regola da tenere bene a mente. Le spaziature tra i caratteri sono studiate nei minimi dettagli da professionisti type designers. Esatto, ci sono persone che si guadagnano il pane disegnando i caratteri che stai vedendo sul tuo schermo, quindi, rendi loro giustizia e lascia che le loro font rimangano leggibili.

21. Aumenta il tracking dei testi maiuscoli

I testi maiuscoli al contrario necessitano di un tracking aggiuntivo per poter essere letti in modo più scorrevole. Il 10% è più che sufficiente.

22. Non scrivere lunghi testi in maiuscolo

Non usare il maiuscolo per testi più lunghi di una riga. Abbi pietà di chi legge i tuoi documenti.

23. Ignora il maiuscoletto

Se non hai una serie di glifi per il maiuscoletto (o small caps), o se non hai la minima idea di cosa sia, ignoralo del tutto.

 

Lettere

 

24. Non modificare la larghezza delle lettere

text-width

Ricordi il discorso sui type designers? Bene, tienilo a mente.

 

Numeri

 

25. Scrivi i numeri

Per una questione di eleganza, è preferibile scrivere i numeri in lettere e non in cifre, anche se per le date se ne accetta universalmente l’utilizzo.

 

 

Credits: medium